I casoncelli del Woods

Preparati a mano con amore e passione per la tradizione

Artigianalità

Alcune storie si tramandano oralmente, altre vengono scritte per non essere dimenticate. Ma le storie più antiche e genuine sono raccontate da quello che mangiamo, attraverso i gesti della tradizione. A volte queste storie sono racchiuse in uno scrigno di pasta fresca, sapientemente mescolate insieme ad amaretti, uva sultanina e carne bovina selezionata, come si faceva una volta.

Gusto

Quello che rende speciale i casoncelli è il perfetto bilanciamento del ripieno, in grado di mostrare due facce differenti che non si sovrappongono mai. Il dolce delicato di uva e amaretti abbraccia il sapore deciso di carne e formaggio, al cui cospetto sono presenti anche salvia e pancetta, gli invitati speciali che arricchiscono la corte sotto una leggera pioggia di scaglie di grana, come da tradizione.

Forma

A volte una carezza sa essere più incisiva di una spada. Le mani che lavorano la pasta fresca dei casoncelli lusingano la tavola in una splendida coreografia di farina, uova e semola di grano duro. I nostri casoncelli sono così buoni perché vengono creati manualmente uno per uno, seguendo minuziosamente lo storico cerimoniale in grado di premiare il piatto con i famosi tesori a forma di caramella.

Storia

Non chiamarli ravioli, perché non sono una variante, i casoncelli sono arrivati primi. Prima ancora di tortellini e agnolotti, i casoncelli arricchivano le tavole dei bergamaschi già durante il Medioevo. Sono ritenuti gli antenati di tutte le paste ripiene diffuse in tutta Italia e derivano da “caseus” in riferimento al formaggio che viene da sempre utilizzato per realizzare il tipico ripieno.

Buoni

Il momento più atteso della settimana, il sacro giorno di riposo, veniva coronato con un premio speciale: il pranzo della nonna. I casoncelli sono il piatto della domenica per antonomasia, in grado di avvolgere i ricordi più belli dell’infanzia bergamasca. I nostri casoncelli sono il risultato di una lunga tradizione fatta di taglieri e paioli di rame, di parenti lontani e di storie raccontate davanti al camino.

Menu